Come quando sparisco per due giorni 

img_7830
Michael Lockley,me and Lucky Blue Smith

Due volte all’anno sparisco per due giorni. Ho il privilegio di partecipare alla realizzazione della sfilata uomo di Etro, quindi dopo una settimana di lavoro in show-room arriva il momento delle prove  e della sfilata, ciò significa  uscire di casa la domenica mattina, tornare in serata una volta finite le prove (intorno a mezzanotte), uscire il lunedì mattina presto e ritornare a sera scarichi e svuotati come dopo l’esame di maturità, (giusto per rendere l’idea) il tutto per 8 minuti  e 44 secondi di show!

Sono due giorni di adrenalina pura, e di concentrazione massima per fare in modo che tutto fili liscio in tempi strettissimi e far si che il lavoro di tante persone (ufficio stile, pr, videomaker, vestiariste etc)  venga ripagato e valorizzato al meglio.

img_7828
State of nature, state of Etro

Ogni anno la sfilata è un piccolo grande racconto, ogni capo è il risultato di giornate di lavoro ,ricerca, di prove e disfacimenti, ogni elemento è pensato per funzionare non solo singolarmente ma anche nell’insieme, le immagini, le parole e la musica nobilitano e celebrano l’unione di tutte queste forze  generate e coordinate dalla mente vulcanica di Kean.

Devo confessare che nonostante siano passati  dieci anni dalla prima sfilata, ogni volta è sempre emozionante e coinvolgente, nonostante  gli intoppi, gli imprevisti  e le tensioni che alla fine si sciolgono nell’applauso liberatorio,negli abbracci e nei brindisi nel backstage.

img_7784-1
Let’s celebrate 10 years of Etro’s fashion shows!

 

E questa è la parte del mio lavoro che più mi piace.

Qualche anno fa mi piacevano anche i modelli, ora potrei essere quasi la loro madre visto che l’età media si aggira intorno ai 18 anni, io ne ho più del doppio e sono entrata ufficialmente nella categoria Milf. 😉

img_7829
Michael Lockley and Lucky Blue Smith


sfilata5
All good things are wild and free

Annunci

2 thoughts on “Come quando sparisco per due giorni 

  1. Che bel lavoro che fai! Io ho partecipato, da spettatrice, ad una sola sfilata – mio cugino ai tempi disegnava per Jenny – e ricordo che l’aspetto che più mi colpì fu l’energia. Tutto molto rapido, preciso, veloce, musica battente, bum bum bum… dopo quei fatidici 8-10 minuti pensai.. embè? già finito????? 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...